domenica 3 agosto 2008

Guardando al nuovo anno

Ciao a tutti anche da me!

Troppo buona la mia co-autrice: chi ci conosce entrambi sa bene che io posso giusto esserne un’ombra…

Ha detto bene Monica: vorremmo offrire ai nostri colleghi IdR un’occasione per condividere informazioni e materiali utili all’insegnamento della religione, nonché per alimentare dibattiti su questioni specifiche che ci stanno a cuore. A tal scopo, vorrei suggerirvi la lettura della Circolare del Servizio nazionale dell’insegnamento della religione cattolica dello scorso 23 luglio, che offre un bilancio dell’a.s. 2007/2008 e delinea alcune prospettive per quello successivo. Sarebbe indirizzato ai soli responsabili diocesani, ma ritengo che i suoi contenuti siano importanti per tutti noi. Oltre ad informazioni di carattere “burocratico” (percentuali degli avvalentesi, criteri per le nomine dei docenti, IR in Europa…), vengono avanzate alcune proposte concrete a partire da importanti criteri orientativi. Dal momento che “evidenziare al meglio lo spessore culturale dell’IRC significa sostenere la riflessione scolastica sulla dimensione religiosa dell’essere umano e muoversi in un orizzonte educativo a cui tutti devono far riferimento, giacché lo studente è persona, inserita sì in diversi contesti educativi, ma sempre come soggetto unico”, si auspica “una maggiore sinergia tra Servizio diocesano per l’IRC ed FT e/o ISSR presenti su territorio”. Inoltre “Il Servizio nazionale per l’IRC, nell’ambito dell’iniziativa circa gli IdR prevista in occasione dell’Anno Paolino, in collaborazione con il Servizio nazionale per il Progetto Culturale, sta predisponendo l’organizzazione di un 2° Meeting per gli insegnanti di religione cattolica (fine aprile – metà maggio 2009). L’obiettivo è quello porre al centro dell’attenzione la questione educativa, considerata ormai una priorità dai Vescovi italiani e comunemente avvertita con carattere d’urgenza anche nel contesto socio-culturale. L’intento è quello di favorire una larga partecipazione che consenta di rafforzare l’identità e rilanciare la motivazione degli IdR. Essi, infatti, hanno nella Chiesa Cattolica non solo il nucleo fondante del loro essere e del loro ruolo, ma anche la spinta feconda all’esercizio competente della loro professione come servizio educativo e formativo nella Scuola italiana.

Per il testo integrale rimando al sito:

http://www.chiesacattolica.it/cci_new_v3/allegati/4595/Circolare%20Luglio%2023-07-08.pdf

Riccardo

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ciao! Mi sembra molto interessante l'articolo che ci hai segnalato, per il momento ho dato solo una rapida occhiata, ma nei prossimi giorni leggerò con attenzione. E' molto importante tenersi aggiornati sulle comunicazioni del Servizio Nazionale per capire i cambiamenti!
Monica