giovedì 4 settembre 2008

La Betancourt racconta in TV la sua scoperta di Dio

Ingrid Betancourt, esponente politica franco-colombiana, racconta in esclusiva, di fronte alle telecamere di H2onews, in collaborazione con Radio Vaticana, la sua esperienza di fede e di speranza durante i 6 lunghi anni di prigionia.
"Nella Giungla pregavo e mi ponevo domande sulla mia fede, sulla mia fede cristiana. In questo luogo ho scoperto la Vergine, ascoltando il Vangelo. Capii che Lei era una mia luce", spiega la Betancourt, descrivendo con dovizia di particolari il suo stato d'animo, i dubbi, le paure, ma anche e soprattutto il sostegno datole dalla fede.
L'intervista è stata concessa dopo aver incontrato Benedetto XVI, in udienza privata, il 1° settembre.
"Un giorno, accesi la radio e ascoltai la voce del S. Padre che chiedeva ai miei rapitori che mi liberassero", continua la Betancourt, raccontando come "dopo tanto dolore e smarrimento, il fatto di sapere che il Santo Padre sapeva che io esistevo, che lui conosceva il mio nome, e che io rappresentavo qualcuno per lui, mi ha fatto sentire di nuovo un essere umano".
Ingrid Betancourt è stata rapita il 23 febbraio 2002 dai guerriglieri delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) e liberata dalla prigionia il 2 luglio 2008, più di 6 anni dopo la data del sequestro. Benedetto XVI aveva chiesto ripetute volte la sua liberazione.

http://www.h2onews.org/index.php?lang=it#

Riccardo

Nessun commento: