martedì 27 gennaio 2009

Conversione... ai programmi liberi! Scribus - 1° tappa

Ciao,
domenica 25 gennaio si celebrava, oltre alla Solennità della Domenica, la conversione di San Paolo sulla via di Damasco! Mi è sempre piaciuto questo episodio... e ho sempre scherzosamente detto a mio fratello Paolo, (che non condividere affatto le mie posizioni di fede) che un giorno sarebbe arrivata anche per lui la sua "Damasco"... Fino ad oggi, nessuna conferma delle mie doti profetiche, anche se, lasciando perdere il campo della fede e addentrandoci in quello informatico, proprio domenica mio fratello si è convertito al software libero... o meglio Open-source!
Ne avrete sentito parlare... si tratta di programmi, applicazioni o sistemi operativi che vengono distrubuiti gratuitamente e che, a differenza di quelli chiamati "proprietari", come la Microsoft per citare il gigante, permettono agli utenti di accedere e lavorare direttamente sul codice (ovviamente chi se ne intende...).
Non sono una fanatica anti Microsoft! Rispetto il lavoro di tutti, ma negli ultimi due anni, grazie ai consigli di un ex collega di tecnologia, mi sono affacciata al mondo Opensource, di cui condivido finalità e valori: la possibilità di condividere, di collaborare, di aiutare! Pensate a quanto soldi siamo costretti a spendere per le licenze dei programmi (come Microsoft Office o Windows Vista...) che usiamo a casa, in ufficio o a scuola! Ecco, io credo che almeno a scuola dovremmo insegnare ai ragazzi che esistono delle alternative valide e gratuite!
Vi dicevo, dunque, che mio fratello da domenica ha installato sul suo computer un sistema operativo alternativo a Windows XP, che si chiama UBUNTU.
Guardate il video, preso da qui, che ne spiega l'origine interessante del nome...

Non sono così competente da potervi ancora parlare di Ubuntu, ma posso presentarvi un programma per la scrittura e l'impaginazione di pubblicazioni.
Vi sarà capitato a scuola di dover realizzare un volantino, una brochure, un libretto, un giornalino??
Di solito si ricorre a Word (che ci crea qualche problemino a gestire le immagini coi testi) o, per i più esperti e fortunati, a Publisher (davvero un bel programma: io lo uso da più di 10 anni e mi sono sempre trovata bene, per carità!), che però non tutte le scuole, o gli alunni, possiedono perché bisogna pagare una quota supplementare di licenza alla Microsoft... quindi?
La soluzione alternativa che vi propongo si chiama Scribus!
Si scarica direttamente dal sito, si installa e si usa! Non è di immediata compresione, ma si impara abbastanza in fretta!
Come nel caso di Open Office (la versione OpenSource di Microsoft Office), il documento finito può essere immediatamente trasformato in un pdf, di facile condivisione, cliccando sul pulsante corrispondente nella barra in alto.
Io ho imparato grazie ai suggerimenti passo passo contenuti nella rivista Fullcirclemagazine: condivido con voi il tutorial a puntate che ho preso dalla rivista (che potete scaricare anche da qui)
Ecco il primo numero: creare un nuovo documento con titoli e colonne tra loro collegate.
Fcm 1 Scribus 1 Parte
Sperimentate e, se vi serve qualche consiglio, chiedete: quello che so lo condivido volentieri con voi!
Monica

p.s. giovedì la seconda tappa: inserire le immagini nel documento

Nessun commento: