sabato 21 febbraio 2009

A scuola e su internet con intelligenza e sicurezza!

Ciao,
raccolgo in questo post alcune notizie sul mondo della scuola che ho visto circolare in questi giorni:
1. secondo una ricerca, gli studenti americani passano circa 31 ore alla settimana su internet... chissà quanto tempo ci stanno invece i nostri alunni? Se il tempo equivale, va considerato che, visto che il monte ore che i nostri ragazzi passano sui banchi di scuola (almeno alla Secondaria di 1° grado) è di circa 30 ore, i nostri ragazzi rischiano di imparare più da internet che da noi! Mi viene da dire che va certamente migliorata la qualità dell'offerta formativa dei nostri istituti, ma anche incrementata la proposta positiva nella rete e la presenza di siti che offrano attività e suggerimenti intelligenti. Altro che tv = cattiva maestra... e internet?
Secondo il sondaggio americano,
le attività preferite dei teenager sono la messaggistica istantanea, guardare video su YouTube e guardare video porno.
Andiamo bene...

2. Secondo questo post, internet offre un sacco di materiale già pronto per i nostri alunni più pelandroni: Studentville può rappresentare un pericolo per i compiti a casa... ma non credo che ci sia nulla che riguardi test e verifiche sull'insegnamento della religione... essere una materia marginale, a volte ha i suoi lati positivi! Comuque, il sito può anche essere una risorsa per chi vuole condividere e approfondire... certo, evitando il solito brutale "copia e incolla".

3
. aggiungo un post interessante che ho visto su Catepol 2.0 già qualche tempo fa; mi è tornato in mente in questi giorni e ve lo propongo... suggerisce di consultare il sito sicurinrete.it e offre un video breve ma vero sui rischi dell'uso delle nuove tecnologie tra i giovani.

Tornando al sito sicurinrete.it, il percorso si articola in 4 minisiti:
- easy4.it: progetto di sensibilizzazione all'uso positivo e sicuro di internet e delle Nuove Tecnologie; qui potete scaricare delle guide utili per confrontarsi coi ragazzi e aiutarli a non cadere nelle trappole delle rete su chat, download, cyberbullismo, privacy e cellulari.
- stop-it.org: per la lotta contro lo sfruttamente sessuale dei mimori in internet (mi pare però che il sito non funzioni...)
- ti6connesso: consigli e trucchi per evitare rischi nell'uso delle nuove tecnologie.
- il blog, per tenersi aggiornati sulle novità e per rispondere con la propria opinione ai quesiti che vengono posti settimanalmente.

4
. A proposito di giovani e nuove tecnologie: dilaga tra i ragazzi l'iscrizione a social network come facebook e netlog (ricevo da molti dei miei alunni richieste di amicizia per il primo e invito ad iscrivermi per il secondo...); se da un lato è uno strumento positivo per attivare contatti anche fuori dal tempo della scuola, dall'altra c'è il rischio che i nostri ragazzi si perdano nella rete... perdendo anche di vista l'importanza dele relazioni positive nel mondo reale.
Rileggere (magari anche con loro) il messaggio del Papa per la Giornata delle Comunicazioni sociali del prossimo maggio ci potrà essere utile.

5. Una notizia su La Stampa di oggi riporta un fatto grave: pare che un insegnante di religione di una scuola del cuneese abbia investito alcuni suoi ex alunni nel cortile della scuola. Leggete l'articolo per maggior dettagli. L'episodio è sicuramente triste, sia per il professore sia per gli alunni: spero solo che non generi eccessive polemiche. Se da una parte sono rimasta colpita dalla notizia e dalla scelta difficilmente comprensibile del collega, dall'altra mi hanno profondamente rattristato le "giustificazioni" degli alunni, che nel tentativo di trovare una ragione per il gesto del docente, hanno descritto come cercavano ogni volta di disturbare le ore di religione in classe. Al di là di tutto, mi resta un po' di amarezza... Speriamo che alunni e prof si riprendano presto e che il mondo della scuola cominci a far notizia per ciò che costruisce più che per episodi di drammatica cronaca.

Monica

Nessun commento: