giovedì 29 gennaio 2009

Scribus - 2° parte


Eccoci al secondo appuntamento col tutorial di Scribus: oggi si impara ad aggiungere le immagini al documento.
Qui il link al numero della rivista FullcircleMagazine e qui sotto le pagine che ci interessano.
Fcm 2 Scribus 2 Parte
Sabato metterò online la terza parte, dedicata alla formattazione del testo e alla creazione degli "Stili di paragrafo".
Monica

mercoledì 28 gennaio 2009

Il Buon Samaritano... su Calameo!

Ciao,
qualche giorno fa Luca ci ha segnalato in questo post alcuni libretti con il racconto di note parabole adatto per i ragazzi; ma i testi sono scritti in inglese: Luca ha chiesto la disponibilità di qualcuno per tradurre e modificare le immagini...
Mi è subito piaciuta questa idea!
Così, dopo aver scaricato le immagini dal sito, ho aperto Gimp, il programma di grafica e fotoritocco che sto cercando di imparare ad usare (si tratta di una validissima alternativa al famoso e costoso Photoshop, anche questo open source e gratuito come Scribus di cui ho iniziato a parlarvi ieri...), ho cancellato i testi in inglese e riscritto il testo nella nostra lingua e poi ho incollato le immagini in un documento di Open Office Writer (l'alternativa free di Microsoft Word) in formato A5; per maggior condivisione ho salvato il file come pdf, così chiunque potrà vederlo senza troppi problemi di compatibilità!
Poi mi sono ricordata di Calameo, un interessante sito per ospitare testi e libretti e pubblicarli sotto forma di riviste da sfogliare. Così mi sono registrata sul sito (è gratuita), all'interno del mio account ho caricato la pubblicazione (cliccando su 'Publish a document' e scegliendo il files dal mio computer), secondo le indicazioni richieste, ho indicato un titolo alla pubblicazione e selezionato tipo, ambito e lingua: et voilà!
L'applicazione ha caricato e salvato il mio documento e ha prodotto il codice da incorporare che ho copiato e incollato nel post, come potete vedere qui sotto.
Se cliccate sul libretto, si aprirà la pagina del documento dal mio account: potrete copiare il codice o scaricare il file sul vostro computer; se cliccate su "Read the publication", si aprirà una nuova pagina con la pubblicazione ingrandita e sfogliabile online... come si vede qui.
Buon lavoro!
Monica

martedì 27 gennaio 2009

Conversione... ai programmi liberi! Scribus - 1° tappa

Ciao,
domenica 25 gennaio si celebrava, oltre alla Solennità della Domenica, la conversione di San Paolo sulla via di Damasco! Mi è sempre piaciuto questo episodio... e ho sempre scherzosamente detto a mio fratello Paolo, (che non condividere affatto le mie posizioni di fede) che un giorno sarebbe arrivata anche per lui la sua "Damasco"... Fino ad oggi, nessuna conferma delle mie doti profetiche, anche se, lasciando perdere il campo della fede e addentrandoci in quello informatico, proprio domenica mio fratello si è convertito al software libero... o meglio Open-source!
Ne avrete sentito parlare... si tratta di programmi, applicazioni o sistemi operativi che vengono distrubuiti gratuitamente e che, a differenza di quelli chiamati "proprietari", come la Microsoft per citare il gigante, permettono agli utenti di accedere e lavorare direttamente sul codice (ovviamente chi se ne intende...).
Non sono una fanatica anti Microsoft! Rispetto il lavoro di tutti, ma negli ultimi due anni, grazie ai consigli di un ex collega di tecnologia, mi sono affacciata al mondo Opensource, di cui condivido finalità e valori: la possibilità di condividere, di collaborare, di aiutare! Pensate a quanto soldi siamo costretti a spendere per le licenze dei programmi (come Microsoft Office o Windows Vista...) che usiamo a casa, in ufficio o a scuola! Ecco, io credo che almeno a scuola dovremmo insegnare ai ragazzi che esistono delle alternative valide e gratuite!
Vi dicevo, dunque, che mio fratello da domenica ha installato sul suo computer un sistema operativo alternativo a Windows XP, che si chiama UBUNTU.
Guardate il video, preso da qui, che ne spiega l'origine interessante del nome...

Non sono così competente da potervi ancora parlare di Ubuntu, ma posso presentarvi un programma per la scrittura e l'impaginazione di pubblicazioni.
Vi sarà capitato a scuola di dover realizzare un volantino, una brochure, un libretto, un giornalino??
Di solito si ricorre a Word (che ci crea qualche problemino a gestire le immagini coi testi) o, per i più esperti e fortunati, a Publisher (davvero un bel programma: io lo uso da più di 10 anni e mi sono sempre trovata bene, per carità!), che però non tutte le scuole, o gli alunni, possiedono perché bisogna pagare una quota supplementare di licenza alla Microsoft... quindi?
La soluzione alternativa che vi propongo si chiama Scribus!
Si scarica direttamente dal sito, si installa e si usa! Non è di immediata compresione, ma si impara abbastanza in fretta!
Come nel caso di Open Office (la versione OpenSource di Microsoft Office), il documento finito può essere immediatamente trasformato in un pdf, di facile condivisione, cliccando sul pulsante corrispondente nella barra in alto.
Io ho imparato grazie ai suggerimenti passo passo contenuti nella rivista Fullcirclemagazine: condivido con voi il tutorial a puntate che ho preso dalla rivista (che potete scaricare anche da qui)
Ecco il primo numero: creare un nuovo documento con titoli e colonne tra loro collegate.
Fcm 1 Scribus 1 Parte
Sperimentate e, se vi serve qualche consiglio, chiedete: quello che so lo condivido volentieri con voi!
Monica

p.s. giovedì la seconda tappa: inserire le immagini nel documento

lunedì 26 gennaio 2009

una passeggiata virtuale sulla Spianata delle Moschee

Ciao,
siete mai stati a Gerusalemme?
Qualunque sia la vostra risposta, credo sarete interessati a questa segnalazione: dal blog Bible and Tecn, è stato presentato questo sito da cui, cliccando su '360° virtual tour', si apre un'altra finestra da cui si avvia la passeggiata: potete vedere il filmato introduttivo oppure passare all'esplorazione autonoma, scegliendo i luoghi da visitare sulla cartina che si trova a sinistra dello schermo o esplorare la zona nello schermo sulla destra.
Le spiegazioni che accompagnano le immagini sono in inglese, ma abbastanza comprensibili: si tratta del luogo su cui sorgono ora due famose moschee; la Cupola della Roccia, con la sua cupola dorata è uno dei simboli per riconoscere Gerusalemme. Questo luogo, ora sacro per l'Islam, è anche l'antica spianata del Tempio di Gerusalemme, ai tempi di Salomone e poi di Erode il Grande, che in effetti è l'ideatore della spianata così estesa come la vediamo ora. Il sito, orientato alla storia musulmana, non si occupa della storia precedente al periodo arabo, perciò non accenna né al Tempio né a costruzioni in epoca crociata, ma resta un'interessante fonte di informazioni e immagini.
Buona navigazione!
Monica

sabato 24 gennaio 2009

con le maestre e con la Bibbia

Ciao,
martedì ho partecipato, come relatrice, ad un incontro del corso di aggiornamento per maestre che insegnano religione organizzato dalla diocesi di Novara; a me e alla collega Norma era stato affidato il compito di aiutare le insegnanti a riflettere su come lavorare con la Bibbia nelle classi. Per me si è trattato della prima esperienza (e devo dire che, oltre alla febbre che poi mi ha costretto a letto fino a stamattina, ero veramente molto emozionata e preoccupata!), ma ne ho ricevuto una buona impressione: c'è sempre tanto lavoro da fare per conoscere meglio e di più la Bibbia (altro che i nostri alunni... i primi a dover studiare siamo noi docenti!!!), ma è stato bello chiacchierare e condividere domande ed esperienze a partire da pagine significative del nostro testo sacro!
Per avviare il lavoro, abbiamo presentato alcuni spunti di riflessione che potete vedere nel file qui sotto

Poi ho colto l'occasione per far sapere alle maestre dell'esistenza di IRCDUEPUNTOZERO, il social network per insegnanti di religione: rimanere in contatto e restare aggiornati attraverso internet è davvero un'occasione da non perdere!
Quindi, Norma ci ha guidato in una breve, ma intensa riflessione spirituale: a partire da due figure bibliche straordinarie, Abramo e Pietro, ci ha ricordato quanto sia prioritaria la nostra scelta di fede e di adesione al Signore che ancora e sempre parla attraverso la Bibbia; seppur i risvolti culturali siano decisivi nella nostra disciplina a scuola, non possiamo dimenticare che la spiritualità e la fede sono altrettanto decisivi nella formazione degli insegnanti di religione... affiché, almeno per quanto riguarda questo argomento, lasciamo che l'Autore parli attraverso le pagine del Suo libro e della storia della salvezza da Lui guidata! Grande dono e responsabilità - ha concluso poi Norma - è per un docente insegnare la Bibbia ai ragazzi, nello spirito della Prima Lettera di Giovanni:
1,1 Ciò che era fin da principio, ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi abbiamo veduto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che le nostre mani hanno toccato, ossia il Verbo della vita 2 (poiché la vita si è fatta visibile, noi l'abbiamo veduta e di ciò rendiamo testimonianza e vi annunziamo la vita eterna, che era presso il Padre e si è resa visibile a noi), 3 quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché anche voi siate in comunione con noi. La nostra comunione è col Padre e col Figlio suo Gesù Cristo. 4 Queste cose vi scriviamo, perché la nostra gioia sia perfetta.
Col cuore colmo di entusiasmo, anche se stanchi dalla lunga giornata di lavoro - erano ormai le 18.00 - ci siamo divisi in 3 gruppi di lavoro per preparare unità di apprendimento o per condividere dubbi e domande.
Grazie a tutti e a tutte le insegnanti della zona di Novara per questa esperienza e... buon cammino nel Signore!
Monica

venerdì 23 gennaio 2009

Ricercare tra siti "divini"!

Ciao,
abbiamo appena aggiunto un nuovo elemento al nostro blog, come ha fatto anche l'amico Teofilo: si tratta di un motore di ricerca - MyGod search- appositamente pensato per trovare materiali in siti selezionati in ambito religioso e teologico; tutto questo facilita il nostro lavoro, e quello dei nostri studenti, evitando risultati equivoci (ne abbiamo parlato in questo post, ricordate?) o perdite di tempo. Ma non è opera nostra: è l'ennesima intelligente trovata del nostro Luca, che mentre raccoglie meritata fama e consenso al suo lavoro, non rinuncia alla condivisione in stile web 2.0 (nonché cristiano...)! Grazie mille e buona navigazione!
Monica e Riccardo

martedì 20 gennaio 2009

presentazioni strabilianti con SlideRocket - consigli d'uso

Ciao,
è da un po' di tempo che sento parlare di SlideRocket (veramente è stato Luca a segnalarmelo e a dare consigli per usarlo), un'applicazione online con cui è possibile generare nuove presentazioni o modificarne di vecchie con effetti davvero innovativi! Per accedere, è necessaria la registrazione, ma è gratuita. Oggi da qui ho trovato una guida che può aiutarci a capirme meglio il funzionamento... almeno può essere utile a me che non sono proprio una volpe con queste nuove tecnologie!Dunque, leggiamo, impariamo e... stupiamo i nostri alunni con presentazioni spaziali!
Monica

lunedì 19 gennaio 2009

Fumetti online su Genesi ed Esodo... e non solo!

Ciao,
sto ragionando su come e cosa dire domani pomeriggio: per la prima volta dovrò intervenire come relatrice ad un corso di aggiornamento per maestre che insegnano Religione... ho le idee ancora confuse, ma spero in un'illuminazione serale!
Navigando qua e là, ho trovato sul sito della collega Maria Concetta Adami (che potete trovare anche qui su Ircduepuntozero) la segnalazione del sito Ufotto Leprotto di Umberto Forlini dove è possibile trovare materiale davvero simpatico e la possibilità di richiedere un corso per fumetto da fare coi nostri alunni (per la Primaria, soprattutto).
Dalla ricca Home si accede ad alcune sezioni di fumetti interessanti per la nostra disciplina, con disegni realizzati dall'autore e trasformati in gif animate:
1. storie dal libro della Genesi
2. la storia di Mosé dall'Esodo
3. animazioni natalizie
4. una letterina a Santa Lucia
5. le avventure di Dante all'Inferno, Purgatorio e Paradiso
6. fumetti sul film "Indiana Jones e i predatori dell'arca perduta" e su "Il Signore degli anelli"
7. origine della vita ed evoluzione
8. Lucia e Renzo ne "I Promessi Sposi"
e molte altre storie, favole o campagne educative adatte ai bambini!
Altre risorse per l'IRC nella scuola primaria si trovano in questo gruppo di discussione.
Monica

venerdì 16 gennaio 2009

Un sito per (ri)partire dalle domande

Ciao,
ho ricevuto in questi giorni via mail la segnalazione di un sito che mi è sembrato interessante: Vieni a vedere; sito pensato a partire da alcune domande intelligenti sulla fede.Così il commento nel messaggio di posta elettronica:
il sito, pensato per adolescenti e per giovani (anche i genitori di alunni piccoli sono giovani adulti) anche "lontani", per aiutarli a riscoprire la ricchezza esistenziale del messaggio cristiano contiene anche una funzione di "forum" attraverso cui i giovani possono "colloquiare": esprimere riflessioni o interrogativi sulla vita o addirittura aiutarsi reciprocamente in compiti scolastici...
Autore e gestore del sito è un ingegnere elettronico, Alberto Basso, che ha deciso di dedicarsi
all'evangelizzazione tramite web, proprio a partire dalla sua esperienza di lontananza e poi riscoperta della fede. E' collaboratore di Don Ermis Segatti al Master "Scienza e Fede".
Date un'occhiata...
Monica

Messaggio del Papa per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato


Domenica 18 gennaio verrà celebrata la giornata di cui all'oggetto. Nel messaggio di quest'anno, Benedetto XVI prende spunto dalla vita e dalla missione di San Paolo per delineare l'azione della Chiesa nei confronti di questi nostri fratelli più sfortunati, ma soprattutto per delinearne lo specifico cristiano rispetto ad altre iniziative - comunque lodevoli! - di volontariato. Ve ne riporto uno stralcio:
"La proclamazione del kerygma gli fece attraversare i mari del Vicino Oriente e percorrere le strade dell'Europa, fino a giungere a Roma. Partì da Antiochia, dove il Vangelo fu annunciato a popolazioni non appartenenti al Giudaismo, e i discepoli di Gesù per la prima volta furono chiamati "cristiani" (cfr At 11,20.26). La sua vita e la sua predicazione furono interamente orientate a far conoscere e amare Gesù da tutti, perché in Lui tutti i popoli sono chiamati a diventare un solo popolo. Questa è, anche al presente, nell'era della globalizzazione, la missione della Chiesa e di ogni battezzato; missione che con attenta sollecitudine pastorale si dirige pure al variegato universo dei migranti - studenti fuori sede, immigrati, rifugiati, profughi, sfollati - includendo coloro che sono vittime delle schiavitù moderne, come ad esempio nella tratta degli esseri umani. Anche oggi va proposto il messaggio della salvezza con lo stesso atteggiamento dell'Apostolo delle genti, tenendo conto delle diverse situazioni sociali e culturali, e delle particolari difficoltà di ciascuno in conseguenza della condizione di migrante e di itinerante. Formulo l'auspicio che ogni comunità cristiana possa nutrire il medesimo fervore apostolico di san Paolo che, pur di annunciare a tutti l'amore salvifico del Padre (Rm 8,15-16; Gal 4,6) per "guadagnarne il maggior numero a Cristo» (1 Cor 9,19) si fece "debole con i deboli ... tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno» (1 Cor 9,22). Il suo esempio sia anche per noi di stimolo a farci solidali con questi nostri fratelli e sorelle e a promuovere, in ogni parte del mondo e con ogni mezzo, la pacifica convivenza fra etnie, culture e religioni diverse."
Qui potete leggere il messaggio nella sua integrità.
Riccardo

Iscrizioni all'a.s. 2008/2009 e voto in condotta


Il MIUR ha messo on-line sul proprio sito la circolare relativa alle "Indicazioni e istruzioni per le iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l’anno 2009-2010" ed il decreto sulla valutazione del comportamento a scuola . Buona lettura!
Riccardo

martedì 13 gennaio 2009

Educare con le nuove tecnologie

Ciao a tutti e buon anno nuovo!
Oggi vorrei proporvi alcuni materiali per riflettere sull'uso delle nuove tecnologie tra le buone pratiche della nostra scuola, non certo perché è "di moda", ma perché è parte del presente e del futuro del nostro mondo e, soprattutto, di quello dei nostri alunni. Offrire ai ragazzi metodi e strumenti per un approccio corretto alle nuove tecnologie è un servizio allo studente, ma anche alla società intera: un cittadino formato potrà dare migliori contributi nel lavoro e nella società. Per le generazioni a cui i nostri studenti appartengono internet e il web 2.0, cellulari, i-pod e iphone, video, immagini tridimensionali e youtube... sono all'ordine del giorno: inserirli tra le proposte metoologiche delle nostre lezioni ci aiuterà a far apprezzare e meglio apprendere i contenuti proposti e a mostrare come la scuola possa dire una parola decisiva sull'uso dei media, uno spazio, seppur virtuale, che gli educatori devono abitare con la loro presenza positiva!
Leggete questo post.
E' un dato di fatto: la comunicazione è cambiata e sta a noi non rimanere troppo indietro.
Guardate questo interessante video creato da Maurizio Maugeri, un collega di religione iscritto al social network Ircduepuntozero, e caricato proprio qui: presenta l'evoluzione dell'informazione lungo i secoli... dalla preistoria ai giorni nostri!

Mi è capitato spesso di trovare interessanti risorse su Slideshare: questo sito permette, dopo la registrazione gratuita per la creazione di un nostro account, di caricare le nostre presentazioni in power point, di condividerle con amici o sul web attraverso un codice da incorporare (embed) nei nostri blog o siti. Come succede anche su Youtube, a lato della presentazione che stiamo visionando compaiono altri files di argomento affine e l'elenco dei files caricati dalla stesso autore.
Il sito offre anche tre widgets con dimensioni diverse da inserire in blog e siti per mostrare sempre le presentazioni che abbiamo raccolto nel nostro account o le nostre preferite o quelle legate a specifici tag.
Chiusa la parentesi su Slideshare, torniamo al tema del post, cioè Scuola e Nuove tecnologie: dunque, su Slideshare ho trovato presentazioni che aiutano ad approfondire proprio questi aspetti, come si può vedere dall'account di Angelo Panini che ha raccolto alcune sue slides su
1. La scuola e la rete. Il contesto.
2. La scuola e la rete. Social network, forum e blog.
3. La scuola e la rete. Wiki e podcast.
4. La scuola e la rete. Youtube e gli altri servizi di condivisione di contenuti multimediali.
5. La scuola e la rete. Web community per la scuola.
e quella su "Le risorse in rete per la scuola" che potete leggere direttamente qui sotto.
scuola 2
View SlideShare presentation or Upload your own. (tags: bookmark bookmarking)

L'esplorazione del web continua!
Monica

giovedì 1 gennaio 2009

Per seguire l'ora di religione 09/10 (3)


Nel ricercare i siti diocesani dedicati all'IRC, ho individuato altre proposte per sensibilizzare la scelta di avvalersi all'ora di religione cattolica. Di seguito riporto l'elenco delle Diocesi selezionate. Cliccando su ciascuna di esse potrete prendere visione o direttamente della proposta o della pagina da cui scaricare il documento. Si tratta di sussidi in buona parte scritti in più lingue, alcuni anche preparati per gli anni scolastici precedenti, cartacei ed in power point. Non scendo apposta nei dettagli di ciascuno perchè restano proposte difficilmente utilizzabili nelle nostre realtà senza apportarvi anche solo piccole modifiche: occorre quindi visionarle. Ecco l'elenco: Bologna, Milano, Padova, Verona. Vi ringrazio in anticipo se avrete modo di segnalarmi altri sussidi che non sono riuscito a rintracciare.

Ricky

Siti diocesani sull'IRC


Durante le festività del Tempo di Natale ho potuto finalmente ricercare le Diocesi italiane che hanno uno specifico sito internet dedicato all'IRC: se infatti la netta maggioranza, sul proprio sito, lasciano nominativi e recapiti del Responsabile e dei suoi eventuali collaboratori, e non poche sia fanno circolare notizie utili, sia mettono a disposizione materiale interessante di vario genere, sono tuttavia molto poche quelle che, appunto, dedicano all'IRC lo spazio che, tutto sommato, merita. Mi hanno favorevolmente colpito i seguenti siti. Tra le Diocesi che hanno un sito esclusivo per l'IRC indico: Acireale, Bologna, Brescia, Grosseto, Ivrea, Milano, Palermo, Venezia, Vicenza. Tra le Diocesi che dedicano spazio all'IRC insieme alla pastorale scolastica ed universitaria indico Nola, Padova, Roma, Verona; segnalo anche, in questa sottocategoria, il sito dell'Ufficio Scuola della Conferenza Episcopale Campana. Ovviamente vi invito a prenderne visione. Sicuramente mi sarà sfuggito qualcosa, magari anche di ben fatto. Se foste a conoscenza di altri siti diocesani che a vostro avviso meritano attenzione, vi sarei molto grato se me lo segnalaste.

Ricky